Cosa dicono di noi

Spazio Rock

Post originale: http://www.spaziorock.it/recensione.php?id=2291


(8/10 stars) - Recensione di Luca Ciuti (13/01/2012)

Dove sta scritto che per suonare prog rock si deve comporre brani lunghi almeno sette minuti infarciti di virtuosismi ai limiti dell'umana comprensione? La risposta ce la danno i piemontesi Ombraluce con il loro disco d'esordio "Distanze Ravvicinate": quindici tracce che nel loro piccolo regalano un approccio non convenzionale al genere oltre ogni ragionevole aspettativa.
Un lavoro che, come lascia intuire il titolo, si pone l'obiettivo di ridurre le distanze fra generi e attitudini apparentemente agli antipodi. E di generi in questo disco ce ne sono parecchi: rock, funk, jazz, pop, soul, tante anime che sembrano magicamente confluire in un'unica proposta. "Distanze Ravvicinate" rappresenta il debutto assoluto per la band ma anche il punto di arrivo, a detta dei diretti interessati, di un percorso musicale e umano lungo anni, frutto dell'incontro di numerose persone e stili che a dispetto della propria eterogeneità  hanno confezionato un disco godibile anche per chi è poco avvezzo a sonorità ricercate. Sotto allora con tracce come "Ancora Un Po' Di Cose Inutili", "N'gas" e "Libertà", brani in cui si avverte la marcata influenza del progressive di scuola nostrana, attraverso cui la band non disdegna interventi chitarristici di prim'ordine. Poi ci sono canzoni come "Ricordi" e "Allucinazioni" che si caratterizzano per una marcata vena soul accompagnata da arrangiamenti frizzanti e moderni. La tradizione prog rock ritorna prepotente con "Dualità", un lungo brano diviso in tre momenti in cui si racconta la dialettica fra i sogni e la realtà del vivere quotidiano. Fra le molte frecce nell'arco dei torinesi vi è l'abilità nel comporre testi ricercati e profondi, resi potenzialmente fruibili anche a un pubblico meno attento. La palma del brano migliore va alla lunga e strumentale "Giochi Di Luce", che, posta in chiusura, conferisce quel tocco di drammaticità che mancava ad un disco contraddistinto da un mood rilassato e accomodante.
Insomma, il prog rock non è per niente morto come dice qualcuno, non è un genere ostico ad uso e consumo esclusivo degli intellettuali, ma sopratutto può avere una veste tutta nuova che passa dall'Italia. Alcuni buoni motivi per ascoltare questo eccellente lavoro.

Prog Archives

Post originale: http://www.progarchives.com/artist.asp?id=6950


(3/5 stars) - Review by seventhsojourn
(Special Collaborator RPI Team)

It really is remarkable, and I think significant, how many RPI albums have been released this year; there's been a veritable swarm of the beggars and some of them have been quite stunning. Now, as far as comparisons with those others go, 'Distanze Ravvicinate' isn't one of the year's more spectacular releases but it does reveal Ombraluce as a band with real potential.
This collection of tracks represents a conceptual work based on some Homeric mumbo jumbo about the struggle between man's dreams and his day-to-day sufferings. The three- part 'Dualità' mainly focuses on this rite of passage but its central themes can actually be found spread over the entire album. The first part begins menacingly with a drawn-out wail that sounds like the voice of suffering carried on the air by a sentient levanter: 'The conflict within each of us can make us confused... The struggle to return to the light begins.' The other parts of 'Dualità' don't follow consecutively but they are linked musically, and the eastern influence alluded to above continues to bubble to the surface with some spicy, spiky sitar-guitar on part two. Its lyrics outline how the rational aspect of the dual identity prevails upon the protagonist to abandon his dreams, and his isolation is highlighted when he addresses himself: 'My friend, you are frail / Lost after this useless struggle / The shadows will devour you.' Personal growth eventually arrives in the final part as he comes to the realisation that the 'duality' is inherent in everyone and that 'no struggle is useless' - man must not be overwhelmed by either side. Of course, it sounds more poetic in the original Italian rather than my pidgin translation.
'Il Cerchio' is a nice chunk of guitar rock although, since it follows 'Dualità Parte 1', it effectively sticks a pin in the balloon of that track's gloomy atmospherics. It's an optimistic- sounding song with a familiar theme - love is the answer - although the message is dressed up in metaphysical perplexity with lyrics that concern a flood of people all driven by their own personal thoughts, history and gods: 'this energy that clashes in dissonance, and you are looking for harmony'
'Ancora Un Po Di Cose Inutili' also relies on well-known ideas (Adam, forbidden fruit and the serpent) in its examination of the absurdity of human existence. This is one of the album's longest tracks and as may be imagined there are some fine keyboards here, although the one shortcoming is an occasional reliance on digital keys. In spite of that minor criticism this is a fine song and it's followed by another highlight.
'N'gas (Nuoce Gravemente Alla Salute)' is characteristic in that it takes an idea from the preceding song and develops it, in this case the snake's venom: 'I feel the flow of this poison, flowing slowly inside me... this needle within me dissolves my actions.' The song challenges the concepts of good and evil, and it distinguishes itself as one of the heavier pieces with just a hint of Dave Gilmour in the slide guitar of the closing section.
The brief 'Prigionia', which features a murmur of voices like the hallucinations of a soul in anguish, deals with the prisons of prejudice and intolerance that we create in our minds. Alessandro Vitale is a singer with passion and strong personality and his vocals are of utmost value to the project. He personifies the theme of duality while the instrumentation represents the inescapable forces driving the protagonist; the album's several instrumentals therefore add some important dimensions to the proceedings.
A couple of the album's later tracks flirt with funk whereas 'Allucinazioni' plunges into it tackety-boots-first. This isn't my favourite style of music but the balance is thankfully restored with 'Giochi Di Luce' which also ends the 'struggle to return to the light.' This is wonderful, coloured variously by the keys and twin guitars, and the guitarwork even betrays something of a Mike Oldfield influence.
'Distanze Ravvicinate' can be purchased as an MP3 download from Amazon or from the band's official website. Alternatively, the band has posted most of the tracks on YouTube so I'd recommend you to try before you buy. Ombraluce fit well into the context of modern prog rock and are as likely to appeal to northern beer-and-sausage guys as southern wine-and- cheese ones. Since a variety of styles meet on this album it'll be interesting to see which direction the band takes with future releases.


(3/5 stars) - Review by Finnforest
(Special Collaborator Honorary Collaborator / RPI Specialist)

Modern RPI debut with a heavy, elegant sound

Ombraluce are a relatively new band who has just released their debut album, a self-produced and self-released project. They have an eclectic style that tries to blend, according to them, hard rock, blues, prog, jazz, funk, and psych into one without falling too in line with any. They want their sound to be the mix of the styles, not just a collection of different recognizable styles pasted together. For the most part I think it succeeds well because it was hard to classify. I found them to be somewhere between The Natural Mystic and Senza Nome, for those familiar with the contemporary Italian scene. The songs are mixed between mid-length, energetic prog tracks and lots of little, bizarre interludes which spice it up. A couple of these interludes finds an ethnic flavor and the vocalist playing it up in what I assume is Demetrio Stratos homage, outside of these moments he is a very good singer in his own right. The songs are melodic and ballad-like at times but quite interesting, and a live sound permeates from the drums (lots of toms!) and a very bold, high-mixed bass guitar. The guitars are probably a bit more prevalent than the keys and have a heavy, distinctly modern edge, with leads that are feisty. Ombraluce will please fans of RPI and melodic Eclectic prog as they straddle the line between the two genres.

Metal.it

Post originale: http://www.metal.it/album.aspx/16666/


Copertina Esordio importante per gli Ombraluce di Torino, prima di tutto perché ci consente di apprezzare una formazione che appare, oltre che tecnicamente molto preparata, davvero generosa e "liberale" nelle sue velleità espressive, che attingono indifferentemente dal rock, dal jazz, dal blues, dal funk, dal soul e dalla musica latina per produrre una forma di progressive elegante, eterogeneo e disinvolto, in cui il gusto per la melodia ha sempre il diritto di prelazione sulle tentazioni narcisistiche.
Musica e parole che traggono spunto da autorevoli guide "spirituali" (in tutti i sensi) come Area (ricorrendo addirittura a cenni delle celebri diplofonie Stratos-iane), Banco del Mutuo Soccorso e Premiata Forneria Marconi e approdano ad una miscela sonoro - concettuale che riesce ad essere al tempo stesso intellettuale, raffinata e popolare (in certi frangenti mi hanno ricordato una meteora del rock italiano chiamata Strange Fruit), che si lascia ascoltare con piacere anche da chi, pur non amando le banalità, non digerisce la lacerante manifestazione di menti (magari anche forzatamente) contorte.
Non tutto funziona ancora in maniera assolutamente perfetta, a causa di sporadiche prolissità e di piccole sfocature espressive e tuttavia è innegabile che momenti come "Ancora un po' di cose inutili", "N'gas (nuoce gravemente alla salute)", la dicotomia "Prigionia" / "Libertà" (una sorta di fusione Area / Finardi / Yes) e la frizzante "Ricordi" (una "roba" tra Traffic e Il Balletto di Bronzo) esercitino una forza di suggestione emotiva praticamente impossibile da sottovalutare, mentre tocca alle evoluzioni strumentali della coppia "Giochi d'ombra" / "Giochi di luce" (quest'ultima è veramente piuttosto impressionante) offrire motivi di notevole soddisfazione ai musicofili legati ad una visione più "tradizionale" del concetto di "contaminazione prog-rock".
Ridurre, attraverso la vocazione, l'abilità e la misura, il divario tra i generi (come, tra l'altro, suggerisce esplicitamente il titolo del disco) e trattare argomenti di spessore e valore collettivo (il non sacrificare la propria parte sognatrice sull'altare della razionalità è uno dei temi maggiormente rilevanti affrontati in "Distanze ravvicinate" e appare sempre più di attualità nelle frenesie quotidiane del nostro terzo millennio) con l'arma rara della comprensibilità poetica, si possono considerare fin da ora due ambiziosi traguardi sostanzialmente raggiunti e se da un lato è vero che per un'approvazione inoppugnabile manca ancora qualcosa, dall'altro è altrettanto necessario accordare agli Ombraluce l'attenzione riservata ai gruppi per i quali si prevede un'incombente ed edificante compiutezza artistica.

Outune.net

Post originale: http://www.outune.net/dischi/pillole/ombraluce-distanze-ravvicinate/45854


E’ un buon esordio quello degli Ombraluce, sestetto Piemontese che propone un prog piuttosto retrò e chiaramente ispirato dai nomi enormi nazionali come Banco del Mutuo Soccorso, Area e Pfm. C’è tuttavia spazio anche per divagazioni funk, jazz e più soul rispetto alla base rock che unisce le composizioni di “Distanze Ravvicinate“, in un connubbio di sonorità che se a volte possono apparire ridondanti, finiscono per conquistare e convincere riguardo la bontà della proposta dei Nostri. Una produzione maggiormente incisiva su batteria e basso avrebbe potuto cogliere ancora maggiormente nel segno, ma è difficile non parlare bene di brani come “Il Cerchio“, “Ancora Un Po’ Di Cose Inutili” e “N’gas“, trittico d’apertura di ottima fattura in cui le coordinate sonore del gruppo emergono istantaneamente. Un pregio degli Ombraluce è l’immediatezza che contraddistingue composizioni non lineari, particolare che non inficia il songwriting e le strutture dei pezzi. Potrà sembrare eccessivamente prolisso a lungo andare, tuttavia è un debutto da promuovere senza remora alcuna.

Footer!

Live

Area riservata